Finanza Sostenibile

Ce lo stiamo chiedendo in molti, ma la risposta è davvero semplice. Cos’è la finanza sostenibile? Un insieme di strategie d’investimento che, nella composizione del proprio portafoglio, sono guidate da fattori sociali, ambientali e di governance (ESG), ma senza rinunciare al rendimento finanziario. In pratica, è il concetto di sostenibilità applicato all’attività finanziaria.

Possiamo costruire un futuro prospero per noi e le generazioni future investendo capitali in attività capaci di generare profitto economico, ma senza compromettere l’ambiente e le sue risorse naturali. È questa la convinzione che anima le scelte alla base degli investimenti sostenibili: spostare le risorse finanziarie verso attività responsabili nei confronti del pianeta e delle persone.

Negli ultimi anni la sensibilità verso queste tematiche è cresciuta molto. Soprattutto, grazie alla definizione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) voluti dalle Nazioni Unite nel 2018. Una decisione che ha contribuito a orientare le scelte degli investitori verso settori in cui il loro capitale possa fare la differenza.

Dunque, le opzioni d’investimento in prodotti gestiti secondo criteri sostenibili e responsabili sono sempre più numerose. Ma da dove cominci a pianificare? Quali sono le opportunità per generare profitto contribuendo anche a finanziare soluzioni che preservino il mondo in cui vivi?

Sarà meglio approfondire subito.

Perché la sostenibilità è un fattore importante nella pianificazione finanziaria?

La finanza sostenibile non è più un approccio trascurabile. La sostenibilità è un fattore chiave per tutti gli investitori consapevoli, poiché il precario equilibrio climatico rappresenta un rischio notevole per il portafoglio di investimenti.

L’economia si sta spostando rapidamente verso nuovi modelli di business più rispettosi dell’ambiente e contribuisce ad aprire nuove opportunità. Puoi rischiare di non coglierle? Assolutamente, no. Ormai, è una tendenza positiva che ha assunto proporzioni globali.

La costruzione di un sistema finanziario che supporti la crescita sostenibile sarà il motore che sosterrà gli impegni internazionali dell’UE in materia di obiettivi climatici. Ecco perché gli investimenti saranno sempre più orientati verso la transizione a un’economia a basse emissioni di carbonio, più efficiente sotto il profilo delle risorse e resiliente ai cambiamenti del clima.

Dunque, in parole semplici, la finanza sostenibile cos’è? È la capacità di saper valutare fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) quando prendi decisioni di investimento. Ma cosa rappresentano questi 3 fattori nello specifico?

Vediamoli meglio e cerchiamo di evidenziare tutti gli aspetti da prendere in considerazione.

Cosa sono gli ESG e il loro impatto sugli investimenti sostenibili

ESG è una sigla inglese che sta per Environment (ambiente), Social (Sociale) e Governance (Governo/Gestione). Sono 3 aspetti diversi e interconnessi individuati come supporto nella crescita sostenibile per l’uomo e l’ambiente in cui vive. Ma rappresentano anche i 3 indicatori chiave utilizzati per misurare le aziende più virtuose, quelle che potresti considerare per costruire un portafoglio d’investimenti diversificato e a lungo termine:

  • environment – esprime il livello di attenzione ai rischi quali la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, nonché l’impatto dell’inquinamento sulla conservazione della biodiversità e lo sviluppo di processi di economia circolare per ridurre gli sprechi e le emissioni di CO2;
  • social – inteso come l’impegno ad agire nel rispetto dei diritti umani, come questioni di disuguaglianza, inclusività, relazioni di lavoro, investimenti nel capitale umano e nelle comunità in cui l’azienda opera;
  • governance – include procedimenti di controllo che prendano in considerazione aspetti sociali e ambientali nel processo decisionale, comprese le buone pratiche di conduzione societaria nel rispetto delle leggi e della deontologia, come i rapporti con i dipendenti, la remunerazione dei dirigenti, ecc.

Dunque, quando parliamo di finanza sostenibile prendiamo in considerazione una serie di classi e di approcci diversi. Alcuni investimenti potrebbero includere l’uso del capitale per azioni orientate a conseguire un mondo più green. Altri, invece, potrebbero essere più orientati verso rendimenti finanziari correlati alle attività di aziende che operano per sviluppare un’economia a basse emissioni di carbonio, ecc. Le considerazioni da fare sono molte, quindi sarà meglio iniziare a farle.

Qual è la gamma delle strategie d’investimento nella finanza sostenibile?

La gamma di strategie d’investimento sostenibile è ampia. Nello specifico, puoi orientare responsabilmente i tuoi risparmi considerando diversi approcci:

  • best in class – quando consideri i fattori ambientali, sociali e di governance nella valutazione dei rischi e delle opportunità di un investimento, scegliendo solo quelle aziende che mostrano le performance ESG migliori;
  • con integrazione dei criteri ESG – ovvero, oltre alla tradizionale analisi finanziaria, integri anche le variabili ambientali, sociali e di governance. Perciò, da un lato consideri le performance finanziarie e dall’altro il rispetto di determinati diritti e valori;
  • tematici – allocare il capitale negli investimenti in settori ad alto impatto, che hanno al centro gli obiettivi SDG (Sustainable Development Goals) stabiliti dall’ONU, come efficienza energetica, salute e benessere, istruzione, lotta alla povertà ecc.;
  • a esclusione – scegliere solo investimenti in ambiti che rappresentano meglio i tuoi valori, escludendo dal portafoglio quei settori che ritieni poco etici e dannosi, come armi, tabacco, esperimenti sugli animali, pornografia, ecc.;
  • nel rispetto di norme e standard internazionali – quando scegli di investire solo su imprese o stati che rispettano norme e trattati internazionali specifici, come le Convenzioni dell’Onu;
  • impact investing – investire in aziende, fondi e società perseguendo un ritorno finanziario, ma solo se correlato a un forte impatto ambientale e sociale positivo, concreto e misurabile. Da non confondere con la filantropia, che è un approccio in cui si fanno donazioni a fondo perduto;
  • engagement – investire in attività in cui è possibile svolgere un ruolo attivo nelle scelte ambientali, sociali e di governance dell’azienda.

Sono tutti approcci legittimi che ti consentono di costruire un portafoglio diversificato in base ai tuoi obiettivi, valori e propensione al rischio.

Ma è importante anche considerare che c’è una sostanziale differenza tra ESG e il concetto di sostenibilità. Gli standard ambientali, sociali e di governance aiutano a stimare le probabilità di rendimento, assieme alle tradizionali modalità di valutazione finanziaria. Invece, la sostenibilità è di per sé correlata alle considerazioni ambientali, le quali non influiscono sulle performance finanziarie come gli ESG.

Come sviluppare una strategia efficace di finanza sostenibile

La finanza sostenibile mette in gioco profitto e valori per agire sempre in modo responsabile, sia verso di te che nei confronti dell’ambiente. Vuol dire che sei consapevole di dover identificare quelle aziende orientate a sviluppare modelli di business con lo scopo di trasformare i grandi problemi che attanagliano il mondo. Ad esempio, tecnologie innovative, strategie e soluzioni per cambiare la società in meglio o materiali nuovi a impatto zero sull’ambiente.

Dunque, la finanza sostenibile sta contribuendo alla trasformazione dell’ecosistema dei mercati finanziari. Esistono diversi strumenti che ti consentono di approcciare a questo tipo di investimenti, come gli ETF ESG e SRI. Oppure, Bond specifici orientati ad aspetti green, social e sustainable. Anche le Società di Gestione di Risparmio (SGR) hanno ormai sviluppato Fondi e Sicav specifici per contribuire in modo significativo allo sviluppo di strategie d’investimento sostenibili.

Tali soluzioni dovrebbero consentirti di investire in modo più etico, ma senza rinunciare a generare profitto. Individuare quali siano le opzioni più adatte a te non è facile. Servono esperienza e conoscenze. Senza mai dimenticare quali siano gli obiettivi a lungo termine e la propensione al rischio che si è disposti a sopportare.

Non restare nel dubbio, mentre nuovi scenari si affacciano sui mercati finanziari. Affidati a un consulente patrimoniale esperto e competente. Contattami senza impegno e richiedi la tua consulenza gratuita. Insieme possiamo analizzare la tua situazione patrimoniale e pianificare strategie d’investimento orientate ai tuoi progetti, ma senza mai trascurare i valori in cui credi.