Fondi-pensione-aperti-chiusi-cosa-cambia

Fondi pensione cosa sono?

I fondi pensione sono cosiddetti strumenti tecnici che hanno lo scopo di garantire ai lavoratori una pensione complementare, da affiancare a quella che verrà erogata dagli enti previdenziali obbligatori. Si dividono in due categorie: fondi pensione aperti e fondi pensione chiusi.

Fondi pensione aperti

I fondi pensione aperti sono così definiti dal momento che chiunque vi può aderire indipendentemente dalla propria situazione lavorativa (lavoratore dipendente, autonomo, libero professionista). Nei fondi pensione aperti il capitale versato dall’aderente viene separato dall’attività dell’istituto bancario o dell’ente che li gestisce. Quest’ultimo può essere una banca, un’impresa assicurativa, una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) o una SGR (Società di Gestione del Risparmio).

I fondi pensione aperti prevedono innanzitutto un’adesione su base individuale per chiunque intenda costruirsi una pensione integrativa. È possibile aderire ad un fondo pensione aperto anche attraverso l’adesione collettiva di lavoratori dipendenti appartenenti ad una determinata impresa.

Fondi pensione chiusi

I fondi pensione chiusi sono così denominati proprio perché l’adesione è riservata ad un ambito delimitato di lavoratori. Sono, infatti, delle Fondazioni o Associazioni istituite dai contratti o accordi collettivi (anche aziendali) del lavoro, che prevedono l’adesione al Fondo pensione chiuso dei soli lavoratori che ne sono rappresentati. Come detto i fondi pensione chiusi di categoria prevedono una modalità di adesione esclusivamente su base collettiva.

Le categorie possono essere le seguenti: lavoratori dipendenti privati (assunti a tempo indeterminato o determinato), lavoratori dipendenti pubblici, lavoratori “atipici” assunti con le tipologie contrattuali previste dalla legge (lavoratore a tempo parziale, lavoratore intermittente) e lavoratori in somministrazione (apprendista, lavoratore accessorio), lavoratori autonomi e liberi professionisti, lavoratori “casalinghi” (soggetti che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari di cui al d. lgs. n. 256/1996), soci di cooperative.

Quali sono i migliori?

Non c’è una risposta vera e propria a questa domanda, ma se ci riferiamo ai fondi pensione aperti, questi prodotti finanziari così come qualsiasi altra tipologia di fondo, hanno un andamento e una variazione annua basata sulle scelte di investimento fatte dal gestore del fondo. Perciò ci saranno fondi pensione aperti con performance migliori ed altri con risultati peggiori, proprio per questo è importante e fondamentale farsi consigliare da professionisti del settore in modo da fare la scelta più adeguata in base alle proprie esigenze personali.