Trend MercatI Emergenti 2022

Ci siamo. Entriamo nel nuovo anno consapevoli che ci attenderanno nuove sfide finanziarie. La pandemia rappresenta ancora un rischio reale e alimenta le incertezze degli investitori. Il suo impatto sull’economia globale ha contribuito a modellare i nuovi trend dei mercati emergenti nel 2022 e ad accelerare dinamiche che erano già in atto.

La situazione è abbastanza chiara. Siamo tutti consapevoli della crescente pressione inflazionistica, dell’aumento dei tassi di interesse e delle possibili ulteriori interruzioni delle catene di approvvigionamento internazionali. Ma i mercati finanziari sono pronti per una corsa su un terreno accidentato. È auspicabile aspettarsi più di qualche sorpresa positiva.

Vediamo insieme alcune tendenze che non dovresti ignorare. Ti aiuteranno a sviluppare una pianificazione finanziaria più consapevole, per tutelare i tuoi investimenti e cogliere nuove opportunità.

Mercati emergenti 2022: contesto e trend da osservare

Nessuno di noi ha la famigerata sfera di cristallo. Ancora una volta, dobbiamo ricordare che esiste il rischio finanziario legato all’imponderabile. La pandemia mondiale da COVID-19 ne è l’esempio che tutti possiamo comprendere. Per minimizzare l’impatto di possibili imprevisti è necessario strutturare una solida pianificazione finanziaria. In questo modo, puoi sviluppare strategie di investimento efficaci in funzione dei tuoi obiettivi e tutelare il capitale.

La possibilità di un rallentamento dell’economia globale nel 2022 è sempre in agguato. Molto dipenderà dall’evoluzione delle circostanze sanitarie, ormai tristemente note. Dopo la ripresa degli ultimi mesi, l’inizio del nuovo anno potrebbe rivelarsi difficoltoso a causa della normalizzazione delle politiche monetarie e fiscali. Quindi, è corretto aspettarsi anche una maggiore volatilità.

Tuttavia, nonostante le preoccupazioni legittime, è giusto guardare al futuro con ottimismo. L’evoluzione dei mercati emergenti negli ultimi anni ha sempre creato numerose opportunità.

Come investitore consapevole, sai che la volatilità del mercato non deve far deragliare le tue strategie. Capire quali siano i trend per il nuovo anno può aiutarti a cogliere investimenti con potenziali rendimenti competitivi nel lungo termine e a diversificare il portafoglio.

Ci troviamo in un ciclo economico molto particolare, serve una gestione attiva per determinare un’adeguata esposizione al rischio. Per pianificare con attenzione, ecco alcuni temi che appaiono trainanti e possono creare opportunità d’investimento interessanti nel 2022.

Trend emergenti: ESG, gig economy e sicurezza digitale

L’attenzione per i temi ambientali, sociali e di governance (ESG) continuerà a influenzare le strategie delle aziende e le prospettive d’investimento anche nel 2022.

I frenetici progressi tecnologici, nonché i cambiamenti demografici e la sfida al mutamento climatico, stanno travolgendo i vecchi modelli di business e daranno vita a nuovi scenari. Le principali tendenze ESG che dovresti monitorare come investitore riguardano:

  • sostenibilità – investire in aziende impegnate in modelli di business orientati a offrire soluzioni in grado di gestire i rischi connessi al cambiamento climatico e alla perdita della biodiversità potrebbe rappresentare un’opportunità di investimento senza precedenti;
  • gig economy – le società che gestiscono piattaforme gig, basate sulle prestazioni lavorative offerte da personale autonomo, sono destinate a crescere, poiché coinvolte in diversi settori trainanti, come l’emergente EdTech, sanità, sicurezza informatica e SaaS (Software as a Service);
  • gestione dei dati e sicurezza informatica – imprese operanti nel settore della sicurezza digitale hanno ottime opportunità di crescita, perché i loro servizi saranno richiesti in qualsiasi contesto, da quello scolastico alla sanità, fino al commercio. Inoltre, sono connesse opportunità d’investimento in società leader nelle catene di approvvigionamento hardware e software.

Azioni, materie prime e mercati emergenti

In uno scenario caratterizzato da una maggiore inflazione e dal rallentamento della crescita, gli utili realizzati rimarranno il fattore trainante dei rendimenti azionari nel 2022. Dunque, come investitore, il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di puntare alla protezione del capitale e a rendimenti reali positivi.

Mentre le obbligazioni core faticheranno a offrire un rendimento adeguato al rischio, il mercato azionario rimarrà il “campo da gioco” privilegiato. Attenzione, però, alle aree con valutazioni smodate ed esposte al rialzo dei tassi. Meglio puntare su mercati emergenti e su quelli del segmento value.

Dunque, anche l’investimento in azioni su mercarti con quotazioni meno elevate, come quello europeo, sono da tenere in considerazione. L’Europa dovrebbe essere favorita dai meccanismi introdotti per agevolare la transizione ecologica e dalle strategie di ripresa promosse dal Next Generation Eu.

In sintesi, la strategia migliore nel contesto che ci aspetta nel 2022 è un posizionamento in azioni, materie prime e mercati emergenti. In ogni caso, non snobbare le obbligazioni core. Dovrebbero permanere nei portafogli multiasset per mitigazione del rischio, nonostante il loro effettivo rendimento possa risultare minimo.

Il mercato asiatico: l’ago della bilancia

Nonostante le incertezze e le difficoltà, quello che ci si aspetta è una moderata e progressiva ripresa globale. Tuttavia, alcune nazioni saranno più trainanti di altre. In quasi tutte le tendenze dei mercati emergenti, in cui valga la pena orientare possibili investimenti futuri, la Cina appare la realtà più solida:

  • guida la crescita a lungo termine dei beni di lusso;
  • mostra la strada verso la transizione ai pagamenti digitali;
  • introduce iniziative strategiche nel campo della biomedicina, che potrebbero avere importanti implicazioni negli investimenti del settore biofarmaceutico;
  • genera nuove opportunità d’investimento persino dal conflitto con gli Stati Uniti, obbligando aziende e start-up innovative, loro malgrado, a schierarsi in uno dei settori d’investimento più allettanti, quello del web.

Attenzione anche alle azioni indiane. L’India è in continua evoluzione e presenta una cultura imprenditoriale ricca di talenti tecnologici che hanno dato origine a realtà con elevato potenziale di sviluppo, alcune con significativi fondi di private equity. Se entreranno in borsa potranno rappresentare ottime opportunità di investimento.

Mercati emergenti: pronti alla grande transizione

Il 2021 può essere ricordato come l’anno in cui i confini tra il mondo digitale e quello fisico sono diventati più sfumati che mai. Ora ci aspetta l’inizio di una transizione economica e finanziaria che porterà a una realtà post-​COVID con una crescita e una reflazione sopra il trend. Oltre a una politica monetaria normalizzata e a rendimenti moderati sui mercati finanziari.

Ma non solo. I mercati emergenti corrono verso il concetto sostenibilità a zero emissioni e dobbiamo iniziare a considerare l’impatto di questo cambiamento epocale. Ci sono davvero tanti aspetti da considerare. Siamo a cavallo di una trasformazione e lo scenario è ancora, in parte, solo ipotizzabile.

È importante considerare che il contesto d’investimento nel 2022 sarà più complesso rispetto all’anno precedente. Dunque, è sempre più cruciale affidarsi a private banker esperti, che adottino accurati processi di selezione degli strumenti finanziari idonei al raggiungimento dei tuoi obiettivi finanziari.

Se vuoi saperne di più e cogliere ogni dettaglio dei trend che interesseranno i mercati emergenti, contattami senza impegno. Sono a tua disposizione per una consulenza gratuita. Insieme possiamo sviluppare una strategia d’investimento capace di cogliere le opportunità offerte da questo momento di transizione e tutelare il tuo patrimonio.