Outdoor Portrait Of Young Friends Having Fun In Park

Contrariamente a quanto si possa pensare, sono i giovani quelli più interessati a ricevere consulenza in materia di investimenti: di preciso il 40% tra gli under 30. Tale valore scende al 30% tra chi ha dai 30 ai 49 anni, e si abbassa ulteriormente al 23% dai 50 ai 64 anni, fino ad arrivare al 21% tra gli over 65. A riferirlo è una ricerca svolta su 37 mila clienti retail da 10 Paesi diversi (quasi tutti in Europa, tra cui l’Italia).

Anche i giovani che partecipano ai salotti finanziari che organizzo periodicamente, oltre a quelli che ricevono le mie newsletter hanno evidenziato l’esigenza di essere accompagnati e consigliati nei loro investimenti finanziari.

La fiducia è un elemento determinante che vale però per tutte le età. La ricerca infatti ha dimostrato come in ben otto Paesi su dieci la gestione della relazione sia il primo fattore di soddisfazione per i clienti di una banca.

Entrando nel dettaglio, la gente dagli istituti si aspetta principalmente una gestione efficace del suo patrimonio (18%), in secondo luogo c’è l’esigenza di ottenere consigli utili per vivere una vecchiaia e una pensione serena (15%), al terzo posto la necessità di implementare una pianificazione finanziaria tale da poter sopperire a dei possibili imprevisti che possono capitare durante la vita.

Il risparmiatore vuole sentirsi supportato dalla propria banca. In tal senso gioca quindi un ruolo fondamentale il consulente finanziario con il quale si instaura un rapporto duraturo e di fiducia.